Comprare un Dominio


Per chi è intenzionato ad aprire un sito, comprare un dominio è il primo passo da compiere perché, in tal modo, si conferirà una sorta di etichetta al vostro sito web. Il nome dominio rappresenta, in sostanza, l’indirizzo che gli utenti dovranno digitare nella barra di indirizzi del loro stesso Browser per avere accesso al vostro sito. Innanzitutto, dovete scegliere il dominio prima di comprarlo. Il nome del dominio rappresenta un passo fondamentale quindi, occorrono molta attenzione e ragionamento. Anche perché la scelta del nome del dominio che andrete ad affibbiare al vostro sito web è un’operazione che potrete effettuare una volta sola. Potete com’è ovvio cambiarlo, ma è controproducente, specialmente se volete che il vostro sito comparisca sui motori di ricerca. Disponete di due modi per scegliere il nome del tuo dominio: optare per un nome breve e facile da ricordare, in modo da facilitare i tuoi utenti ad accedere al sito; usare un nome che sia la traduzione dell’attività o dell’argomento di cui trattate nel vostro sito.


Quest’ultimo rappresenta il metodo più utilizzato e al tempo stesso più consigliato. Un nome dominio è usualmente caratterizzato da due parti: il nome vero del dominio; la sua estensione che coincide con la parte conclusiva dell’indirizzo di un sito web. Esistono vari tipi di estensioni, e possono esistere nomi domini uguali, ma con estensioni diverse. Questi nomi dominio sono considerati a tutti gli effetti nomi dominio diversi. Una volta effettuata la registrazione di un nome dominio potrete scegliere diversi tipi di estensioni. Esistono sostanzialmente due tipi di estensioni: generiche e nazionali. Le prime sono impiegate per designare un dominio generico, come ad esempio .com. In passato l’estensione del dominio .com corrispondeva a “commercial” ma oggi ha assunto il significato di sito generico. Alti tipi di estensioni generiche sono: .org e .net. Riguardo alle seconde, tutte le nazioni possiedono una loro estensione nazionale, per cui ne esistono davvero moltissime. A questo punto non vi resta che creare il proprio sito, oppure affidarsi ad un’azienda di realizzazione siti web.

Condividi