Aggiornamento Google Penguin


Recentemente, Google ha rilasciato un nuovo Aggiornamento Penguin. Quest’ultimo, però, sembra aver  fatto più vittime del Panda. Pensate che, siti web che dapprima traevano il loro beneficio dal proprio traffico, d’improvviso sono sprofondati lasciando il posto a veri e propri perfetti sconosciuti. Per cui, se il Panda ha rappresentato un aggiornamento molto paventato, il Penguin Update, a torto o ragione, sta diffondendo un vero e proprio panico. Pare, infatti, che con quest’algoritmo Penguin ciascun sito, oggetto di pratiche Seo, sarà penalizzato a favore di siti che presentano un contenuto più naturale e, secondo Google, più interessante per l’utente. Sostanzialmente, quindi, il Penguin Date presenta due conseguenze. La prima è rappresentata dal fatto che alcuni siti avrebbero più giustizia rispetto ai loro rivali. Molti siti internet, anche se super ottimizzati, ma di contenuti qualitativamente scadenti, faranno Largo a siti molto più interessanti. La seconda conseguenza, invece, riguarda le aziende.


Quest’ultime, infatti, per riparare il danno economico saranno costrette ad investire nell’immediato in Google AdWords. È chiaro, quindi, che la vicenda risulta molto gradita alle casse di Google. Tuttavia, nulla è perduto, perché contro il Penguin Update vi sono quattro antidoti.

  1. Innanzitutto, dovete essere iscritti a Google Webmaster Tools; potrete vedere tutti i risultati una volta eseguite ciascuna procedura. Dovrete cliccare, poi, dalla Dashboard, su: “il tuo sito sul web” e poi ancora su: “link che rimandano al tuo sito”.
  2. Il secondo rimedio consente di scoprire se altri siti hanno copiato il vostro. Andate, quindi, su Copyscape e digitate l’url del vostro sito web.
  3. Mentre, il terzo e il quarto rimedio concernono la qualità e i contenuti del sito. Ricordate, infatti, che è fondamentale, per aumentare l’interesse da parte dell’utente per il vostro sito web, prestare grande attenzione ai fattori estetici e grafici. In tal modo, garantendo una maggiore qualità, gli utenti sosteranno più a lungo nel vostro sito.
Condividi