Indicizzare un sito su Google


Per indicizzare un sito da Google esistono, essenzialmente, due modi: comunicare la vostra esistenza e quella del vostro sito nonché possedere come minimo un link, da un sito indicizzato, verso di voi. Comunicata la vostra presenza dovete attendere che il sito o blog di vostra proprietà sia indicizzato; tale processo  richiede all’incirca due o tre mesi. Per velocizzare questo processo è necessario possedere moltissimi link. Oppure, al fine di accelerare l’indicizzazione, è probabile che lo spider di Google faccia visita al vostro sito in un intervallo di tempo più breve, rispetto a quelli che sono i tempi consueti, nel caso in cui segnaliate il blog o sito tramite Internet Explorer. Dopo aver compiuto questo passaggio, selezionerete l’immagine che riproduce la faccina che ride sulla Toolbar. Un’altra tattica, potrebbe essere quella che vi porta a introdurre un link a Google sulla pagina che si vuole segnalare del sito, meglio se la pagina index. Dopo limitatevi a selezionare il link visitando http://www.google.com .


Così Google, più precisamente il server web, annoterà l’ingresso dell’utente, registrando l’indirizzo della pagina da cui arriva. Tuttavia, è bene ricordare che affinchè tale tattica possa dare i suoi frutti è indispensabile che l’utente abbia configurato il browser in modo da spedire il referrer. Inizialmente, la configurazione di ciascun browser richiede il trasferimento del referrer per cui, salvo che l’utente non abbia volontariamente cambiato la configurazione, il processo filerà nella stragrande maggioranza dei casi. In conclusione, una specificazione è doverosa: queste tattiche fin d’ora prospettate hanno sì lo scopo di procurare, il più celermente possibile, la visita dello spider di Google, ma è altrettanto vero che tale visita non implica conseguentemente che il sito o blog sia indicizzato. In poche parole, non esiste garanzia che il vostro sito sia vagliato dal motore di ricerca e, quindi, inserito all’interno del suo indice.

Condividi