Si scatena sul web il business dei siti gratis


Oramai avere un sito internet è una cosa molto semplice. Sia che sia un sito personale che un sito business oggi piattaforme come WordPress, da anni, ci permettono di realizzare siti professionali con risorse limitate e con conoscenze tecniche elementari.
Si scatena sul web il business dei siti gratis
La rivoluzione di WordPress è stata proprio questa: la gestione del sito in modo dinamico assecondando quindi gli “umori” di Google che notoriamente vuole sempre contenuti il più possibile freschi. Questo ha permesso a molti blogger, con tanto lavoro, di realizzare con poche risorse, dei siti che oggi permettono di viverci con le entrate pubblicitarie. Insomma WordPress sembrava rappresentare la maturità del sito internet. Ma Internet è sorprendente per quello: quando ti sembra che un settore sia decotto ecco che arriva la fiammata a smentirti. La “fiammata” in questo caso è rappresentata dalle iniziative che stanno fiorendo nel settore della realizzazione dei siti web gratuitamente o a prezzi accessibilissimi. Una manna dal cielo per le aziende di oggi in perenne crisi economica che riescono ad avere così l’opportunità di accedere alle opportunità con un sito gratis o quasi. Insomma in questo ultimo periodo stanno fiorendo delle piattaforme per realizzare in modo semplice e immediato un sito internet gratis. Ancora più semplice che farlo in WordPress.


Tutto è semplicissimo e si fa con un click. Ma come fanno queste società a guadagnarci vi chiederete? Semplicemente applicando la legge dei grandi numeri; si offre un servizio gratis e poi, se il servizio soddisfa, si dà la possibilità di avere dei servizi aggiuntivi a prezzi contenuti e con la possibilità di crescere gradualmente. Effettivamente poi la cosa bella è che all’inizio il sito non ha bisogno di grandi prestazioni, quindi avere l’opportunità di crescere e investire gradualmente è la cosa migliore. Da non sottovalutare il fatto che il pagamento di queste piattaforme spesso è mensile e questo permette alle aziende o ai privati di non avere un esborso elevato all’inizio. Insomma tutti gli ingredienti per far sì che queste iniziative abbiano lunga vita in rete.
Condividi